Regata "M.Fiorillo" - 2015 - CIRCOLO VELICO LA SPEZIA ASD

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Regata "M.Fiorillo" - 2015

Regate > 2015
Il Trofeo Michele Fiorillo rinviato
per avverse condimeteo
si é disputato il 27 settembre 2015

 
  
 CLASSIFICHE  
TROFEO CHALLENGE "M.O.V.M. CAP. MICHELE FIORILLO"
1° CLASSIFICATO "NEGHENE' " DI GIOVANNI PASSEGGERI - CVSP

TROFEO CHALLENGE "GOLFO DEI POETI"
1° CLASSIFCATO: "BELLAMBRIANA" DI GIOVANNI STEFANINI - CdV ERIX

COPPA
 CHALLENGE (in palio tra i circoli) "M.O.V.M. CAP. MICHELE FIORILLO
1° CLASSIFICATO : CIRCOLO VELICO LA SPEZIA 
J24
 
ORGANIZZAZIONE
Circolo Velico La Spezia
CLASSI AMMESSE
O.R.C. -  GRAN CROCIERA - J24 -  METEOR 
DOCUMENTI  
 
Bando di RegataDichiarazione Responsabilità

Istruzioni di Regata

NOTIZIE DELLA VELEGGIATA
COMUNICATI
Comitato di Regata
COMUNICATO N°1
COMUNICATI Organizzazionenessun comunicato disponibile

MEDAGLIA D'ORO al VALOR DI MARINA
MICHELE FIORILLO
CAPITANO DI PORTO


Il capitano di Porto Michele Fiorillo nasce a La Spezia il 31 maggio 1930. Laureatosi in Giurisprudenza presso l’Università di Pisa nel 1954, intraprende, in quello stesso anno, la carriera di Ufficiale del Corpo delle Capitanerie di Porto, tramite concorso a nomina diretta. Al termine del corso di formazione presso l’Accademia Navale di Livorno, viene impiegato nella Capitaneria di Gaeta come addetto della sezione Armamento e Spedizioni e contenzioso. Nel febbraio 1957 si trasferisce per servizio a Savona, e vi rimane per quattro anni, dove assolve gli incarichi di Capo Sezione Gente di Mare, Tecnica e di Direttore dell’Ufficio Lavoro Portuale. Nel 1961, appena nominato Capitano di Porto, viene impiegato nella Capitaneria di Viareggio come Capo Sezione Contenzioso, Demanio ed infine anche come Comandante in II. Dall’aprile del 1965, presta servizio presso l’Ufficio Circondariale Marittimo di Marina di Carrara. Ed è qui che il 6 luglio 1966, durante una burrasca che colpisce la costa toscana da libeccio, interviene con i suoi uomini per salvare un bagnante in pericolo di annegamento. A causa delle cattive condizioni del mare, il battello, utilizzato per il soccorso, viene ribaltato da una forte onda, i tre uomini si ritrovano tra i flutti. Il Comandante Fiorillo, con profondo altruismo si prodiga per portare in salvo i suoi uomini, prima di venire sbattuto contro la scogliera e perire. Al Capitano di Porto Fiorillo, imperituro esempio di coraggio, sono state intitolate due Motovedette del Corpo, il Pattugliatore 904, la Motovedetta d’Altura 307 (varata nel 1971), ed una Caserma.

"
MOTIVAZIONE"
"Comandante di Ufficio Circondariale Marittimo, avuta notizia che una persona era in procinto di annegare, malgrado le proibitive condizioni atmosferiche e conscio del rischio che affrontava, armava col personale al suo comando un battello pneumatico e usciva immediatamente in mare. Dopo attenta navigazione e quando già vicino al punto stabilito, a causa di una violenta ondata che capovolgeva il battello, veniva a trovarsi in mare unitamente ai suoi uomini in località pericolosa a causa della vicinanza di una scogliera. In mare si preoccupava della salvezza dei suoi dipendenti che successivamente venivano tratti in salvo mentre egli, vittima del suo generoso gesto di altruismo periva tra i flutti. Nell'occasione metteva in luce spiccata abilità marinaresca, alto senso del dovere e doti di coraggio, sprezzo del pericolo, lasciando luminoso esempio di cosciente ardimento, abnegazione e vivo spirito di solidarietà umana.
(Acque di Marina di Massa, 6 luglio 1966)"

fonte: http://www.guardiacostiera.it/organizzazione/schedemedagliati.cfm?id=13


 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu